giovedì 22 marzo 2012

[Youtube 02] - Risposta ai commenti di "Fanciullo Ubriaco d'Emozioni"

Ieri notte stavo tornando a casa dopo una serata tra amici quando mi arrivano delle notifiche sul cellulare, delle email. Scopro di aver ricevuto ben 6 commenti (in realtà un lungo messaggio unico) da un utente anonimo, che ha risposto al mio post di ieri sulla disavventura con AdSense. 
Vi riporto qui l'intero messaggio di questo utente dallo pseudonimo "Fanciullo Ubriaco d'Emozioni", in modo da poter poi dire la mia (mi permetto di trascrivere i commenti perchè comunque sono leggibili da chiunque sotto il mio post di ieri).

Gentilissima Erica,
Mi spiace per la situazione che si è creata, ma sarebbe bello se tu raccogliessi tutta la delusione che ora provi per l’apparente venir meno delle speranze della partnership di Youtube come una sorta di stimolo per rivedere profondamente la tua filosofia operativa su internet e magari la tua autopercezione di artista. (cantante, nello specifico). Anche se “d’incanto” il banning da Adsense ti fosse revocato e magicamente assegnata una partnership su Youtube, ti troveresti comunque sottoposta ad un bivio ancor più stringente di fronte al quale magari ti sentiresti (ad oggi ) forse a disagio.Il grande scoglio è rappresentato dalla penuria di musiche ed esecuzioni originali sul tuo canale. Tu hai enorme talento canoro, grandi potenzialità di sviluppo futuro e un approccio onestissimo e umile alle materie artistiche, ma, perdona la durezza, finché continuerai ad eseguire cover di altri cantanti blasonati, sarai vista come quella che ha cantato una sola canzone : il tuo (singolo) inedito, peraltro in forma ancora “non ufficiale”.
Se tu continui a proporre 99 per cento di cover corri un rischio di essere percepita da molti (forse purtroppo anche da potenziali produttori) come una dilettante virtuosa che si diverte e basta, senza una titanica motivazione di crescita, che ti dovrebbe spingere a calcare percorsi inediti, a costo di rischiare molto e versare lacrime per fatica e sforzo . Poiché, come credo, tu sei motivata e seria, mi sembra che il primo errore che dovresti evitare, dovrebbe essere quello di disperdere i tuoi sforzi in esibizioni frettolose ed estemporanee che possono rivelarsi persino controproducenti per te.
L’esecuzione di cover sarebbe ideale se tu fossi una cantante lirica, dove lì, si, il repertorio è classico, storico e definito e allora proveresti il virtuosismo della tua voce confrontandoti con altre esecutrici. Ma per la musica leggera e contemporanea dovrebbe valere , come sai, un discorso del tutto opposto. Le cover inglesi, sulla scala mondiale, sono troppo inflazionate, ma anche di fronte a quelle italiane più popolari, ogni pomeriggio qualche ragazzina nella sua camera crea canali e ricanta quei brani che sono in classifica, più qualche evergreen, conquistandosi nel suo piccolo una piccola o grande fetta di popolarità.
Ma se tu continui a fare lo stesso ora (e a maggior ragione in futuro)-senza offesa- ti tiri la zappa sui piedi da sola, ragazza mia. 
Commercialmente parlando, spiace dirlo, una cover non viene considerata affatto e anzi la tua popolarità per Youtube può essere addirittura fonte di grane con le Major musicali e cinematografiche! Oltre alla base di musica e testi che vengono innocuamente presi in prestito-ma il discografico direbbe sempre-senza concessioni- “rubando”- se tu incorpori nei video spezzoni di film, cartoni animati o fotografie di cui non puoi provare di aver pagato diritti per la diffusione, sei tacciabile di plagio o violazione di diritti di immagine e proprietà intellettuale altrui. Sempre.Le motivazioni delle multinazionali , quando non c’è un arricchimento tangibile di un privato alle loro spalle, sono certamente pretestuose, ma quando tu ricavi anche un solo centesimo di euro da un brano di cui loro hanno il diritto di sfruttamento(come sarebbe la partnership di Youtube), costoro ti condannano a soccombere, senza che nessuna legge o nessun tribunale ti possa dare ragione.
Se sei tu la prima ad eseguire un brano (per definizione dunque un inedito), sei tu il parametro di riferimento da imitare, è chiaro? 
Non c’è né Madonna, né Lady Gaga, né Britney Spears, né ci sono altre nostre connazionali di cui qualcuno ti potrà nel bene o nel male tacciare di “copiare” essendone più o meno all’altezza a seconda della competenza, simpatia, tatto del personaggio che , udito un tuo brano “non originale” su Youtube si sentirà di concederti come feedback. Sforzati di eliminare il benchmark essendo tu stessa il benchmark. Elimina il problema alla radice e cura solo i brani “tuoi”, mai cantati da altri. Le cover come tua esercitazione di casa, come allenamento. Non sentirti il dovere di rendere pubblici tutti i tuoi allenamenti.Non sarai più quella che “canta in playback” o che “muove le labbra e basta “montando sul video la voce della Pausini, ma diventerai tu il modello che le ragazzine potrebbero imitare.
Non avresti l’ombra dell’originario esecutore davanti, è chiaro? Lo so che è dura cercare collaborazioni di prima mano, ma il tuo sforzo dovrebbe essere ormai proteso a fare delle cover su Youtube un’eccezione, non la regola. Dovresti diventare “la voce” di un autore di testi, se non cantautrice a tua volta, per essere distinguibile nettamente da una pletora di appassionati virtuosi.
Meno cover, Erica. Anche se il tuo desiderio e quello di altri urlerebbero l’opposto.Ma quelli stessi che disapprovano un consiglio simile si straccerebbero le vesti per sentire inediti su inediti a rotta di collo. E’ o non è il tuo inedito, l’oggetto più spontaneamente condiviso su Facebook, anche se è passato un anno dalla sua apparizione in TV? Questo fatto non ti suggerisce qualcosa?Fai inediti. A costo di bruciarti vacanze e sonno. A costo di litigare con qualcuno.Youtube non è detto che sia il futuro, e anzi, come ciò che è di moda adesso, probabilmente è già superato. Come i vari smartphone, l’Ipad e Iphone. Tutti in apparenza nuovi e “must have”. Tutti già vecchi.
Non ti devi preoccupare invece se, come si legge, crolleranno sotto la scure di autorità antitrust o di Tribunali (è già successo in Francia), tutte le pretese di Google di fare il bello e il cattivo tempo nei confronti degli utenti comuni. Perché come sai sia in Europa che in Usa sono già molti i dossier aperti su Google per concorrenza sleale e abuso di posizione dominante. Qualche autorità potrebbe dunque costringere Google ad allentare i freni anche sulle clausole di Adsense, che probabilmente già oggi, ad una buona osservazione sarebbero fortemente passibili di declaratoria di nullità sotto diversi profili. 
In ogni caso tu cerca di avere un album pronto fra le mani, non solo un inedito “non ufficiale”. O che almeno l’inedito cominci a diventare “Ufficiale”, giusto per compiutezza, come primo passoavanti. 
Resta serena. Vai in pace. 
Un fanciullo ubriaco d’emozioni

Comincio col dire che non amo l'anonimato. Io non sono una persona che si espone molto, ormai chi mi conosce lo sa, ma quando lo faccio uso sempre nome e cognome, proprio perché voglio che il mio pensiero sia veicolato dalla massima trasparenza. 
Ma comunque non importa, perché di fronte al contenuto così interessante e analitico del messaggio, sono sicuramente di fronte ad una persona molto intelligente e che evidentemente mi conosce.

So che al momento (e probabilmente anche in un futuro prossimo e remoto) aspirare alla Partnership di Youtube sarebbe come credere in Santa Claus, proprio perché conosco i meccanismi del mezzo e so che il mio canale non potrà mai essere adatto. Nel post precedente, anche se non l'ho detto esplicitamente, consideravo il mio secondo canale come unica possibilità per eventualmente avere la Partnership. Ma anche questo non è importante ai fini del ragionamento "portante" del commento ricevuto.

Nel messaggio si dicono cose giuste, ragionate, pensate, cose a cui ero arrivata io stessa, ma che fanno male (e con questo non voglio colpevolizzare lo sconosciuto commentatore che ha detto la sua). 
Nel mio canale Youtube io, con i mezzi che ho, posso proporre l'offerta che attualmente compone la mia Playlist: delle cover, spero e credo ben fatte, accompagnate dall'unica tipologia di video che posso girare da sola. 
Anche a me piacerebbe avere solo inediti, dei pezzi che mi caratterizzino e che io possa a mia volta caratterizzare, rendendoli miei. Purtroppo non tutti hanno il dono della scrittura e della composizione, quindi non vorrei mai lanciarmi in qualcosa che non mi compete con esiti deludenti per me e per chi mi segue. 
Allo stesso tempo non è così semplice trovare degli autori, compositori e arrangiatori che possano permettersi di portare avanti un progetto senza alcuna garanzia di successo.
Purtroppo non sto cercando delle scuse per uscire dall'empasse, sto solo spiegando qual è la triste realtà delle cose. Servirebbe un investimento economico importante per autoprodursi dei brani inediti ben fatti...senza comunque alcuna certezza che il pubblico possa apprezzare.

Molti mi chiedono perché non metto più video su Youtube. Questi sono i motivi, forse non mi sento più all'altezza nel postare video scadenti fatti con la videocamera compatta e il cavalletto. 
Mi sento sicura solo di come canto, perché sento di poter dare qualcosa di vero e genuino in quel senso, ma come ha detto l'anonimo amico non basta per distinguersi dagli altri.

Ricevo tanti commenti, più ingenui sicuramente di quello a cui sto rispondendo, che mi dicono:
- "Ma perché non vai a Sanremo?" (e per avere un'idea degli altri commenti simili sostituire "Sanremo" con "Amici", "X Factor", "Italia's Got Talent")
- "Ma perché non canti canzoni tue?"
- "Ma perché non fai dei video professionali?"

Se io avessi le possibilità mi sarei lanciata in tutte queste avventure, ma chi commenta spesso non sa cosa davvero ci sia dietro ogni singolo consiglio buttato giù frettolosamente. Io ringrazio comunque queste persone per il loro spontaneo interessamento, ma mi fa sorridere la percezione che molti hanno dell'universo musicale.
Anche perché, non dimentichiamo mai che la mia attività musicale è comunque inserita in quella che è la mia vita, con tutti gli impegni, le complicazioni e i problemi che ci possono essere nella mia, o nella vita di qualunque altra persona.

Che dirvi, per parafrasare il saluto del Fanciullo Ubriaco d'Emozioni...non sarò serena, ma vado in pace lo stesso.

3 commenti:

  1. Erica, come sai da quel punto di vista viviamo una situazione molto simile io e te; taglio corto dicendoti che sono completamente d'accordo con ogni singola cosa che hai detto

    RispondiElimina
  2. Ciao Erica, quindi il problema Adsense è di natura diversa da quella che avevo "letto" io.....
    Abbraccio, Simona

    RispondiElimina
  3. Fanciullo Ubriaco d'emozioni25 marzo 2012 23:59

    Sei stata anche troppo generosa con me, Erica. Prima o poi ti rivelerò la mia vera identità. Ho appena postato nella tua casella e-mail una replica che sarebbe troppo lunga pubblicare qui. Se vorrai, potrai successivamente condividerla col pubblico. E' solo un chiarimento ulteriore delle mie espressioni che ti sono apparse un po' crude. Ti spiegherò perché a volte si può scegliere di rimanere anonimi e come di tanti fenomeni le possibilità di lettura siano molteplici. Con stima.

    RispondiElimina